FAQ

Clicca sulla domanda per visualizzare la risposta MyDATEC


1. MyDATEC garantisce il riscaldamento completo di casa mia?

Dipende dalle prestazioni termiche di casa vostra e dalle vostre abitudini relative al riscaldamento.

  • La VMC termodinamica MyDATEC è in grado di fornire in media fino a 3KW di potenza di riscaldamento soltanto con la pompa di calore sull’aria estratta.
  • In una nuova costruzione: in generale, MyDATEC garantisce la quasi totalità del fabbisogno di riscaldamento in case di nuova costruzione a basso consumo energetico. Si può prevedere in certi casi di grande freddo un elemento complementare come una stufa a legna, un pozzo canadese, e/o i nostri riscaldatori elettrici opzionali inseriti nel sistema aeraulico.
  • In ristrutturazione, MyDATEC garantisce la quasi totalità del fabbisogno di riscaldamento nelle mezze stagioni, consentendovi di spegnere il vecchio sistema più dispendioso. MyDATEC e i sistemi di riscaldamento preesistenti possono anche essere associati per funzionare congiuntamente in modo più economico.
  • La soluzione migliore: a seconda delle prestazioni termiche della casa, della sua superficie e della zona climatica, un termotecnico specializzato sarà in grado indicarvi la potenza di riscaldamento della quale avete bisogno. Sulla base di questo esame, saremo a nostra volta in grado di valutare se la vostra installazione MyDATEC richieda o meno un elemento complementare di riscaldamento.

2. La VMC MyDATEC è compatibile con la case ad alte prestazioni energetiche o con le case passive ?

Certamente si, ed è anzi particolarmente adatta alle abitazioni di classe energetica elevata.

3. Che vantaggi ha la VMC MyDATEC termodinamica rispetto alle VMC doppio flusso tradizionali? Come si può superare uno scambiatore statico con un rendimento del 100%?

Con la Ventilazione Meccanica Controllata si introduce all’interno della casa aria fredda (alla temperatura esterna). Quest’aria, dopo il riscaldamento alla temperatura ambiente (circa 20 ° C), verrà espulsa all’ esterno. Si genera quindi una perdita di calore che costituisce una parte significativa del bilancio termico totale.
Le soluzioni sono :

  • La VMC a doppio flusso con scambiatore statico che riduce gli sprechi nei confronti della perdita di calore, imprigionando però solo una parte del calore prima di espellere l’aria all’esterno.
  • La VMC termodinamica che, invece di sprecare questa energia, se ne serve come fonte per produrre caldo o freddo (principio della pompa di calore).
  • Volendo confrontare i due sistemi e semplificando al massimo i concetti, si potrebbe dire che una VMC termodinamica ha un rendimento dal 400 a 500% in quanto fornisce energia 4-5 volte in più di quanta ne consuma.

4. Qual è la differenza tra una VMC a doppio flusso termodinamico e una pompa di calore (PDC) aria-aria classica?

  • La VMC termodinamica è un sistema di ventilazione termodinamico accoppiato ad una pompa di calore della stessa famiglia dei sistemi aria/aria che troviamo di solito sul mercato.
  • La differenza è che una normale pompa di calore aria/aria preleva calore dall’aria esterna (tra -10 e 10 ° C in inverno), mentre una pompa di calore sull’aria estratta (MyDATEC) preleva calore dall’aria estratta dall’abitazione dal sistema di ventilazione (costantemente a 20 °C)
  • Lo svantaggio della PDC aria/aria è che funziona meno bene in inverno, proprio quando la necessità di calore è maggiore.
  • La VMC termodinamica invece offre le migliori prestazioni proprio in inverno (COP fino a 6 a -10 ° C)

5. Come funziona lo scambiatore termodinamico?

  • Qui trovate la descrizione del principio sul quale si basa una pompa di calore.
  • Il recuperatore termodinamico MyDATEC tramite il suo circuito in pompa di calore sull’aria estratta permette di raffreddare l’aria estratta fino a circa + 2 °C. Con una temperatura dell’aria in casa di 20°C si prelevano quindi 18 °C, ai quali si sommano la de-umidificazione dell’aria estratta proveniente dalla cucina e dai bagni (calore latente) e l’equivalente in calore dell’energia elettrica fornita all’apparecchio (compressori, ventilatori).

6. Perché solo adesso si parla di inquinamento dell’aria negli ambienti chiusi, dei composti organici volatili, della formaldeide?

Fino agli anni ‘50 non c’erano, per esempio, nè moquette né prodotti di manutenzione molto elaborati: le fonti di inquinamento erano senza dubbio inferiori. E siccome le case erano come dei « colabrodo », erano molto ben ventilate. Negli anni ‘70 a cominciato a presentarsi il problema della qualità dell’aria. Con la crisi petrolifera l’isolamento degli edifici è stato incoraggiato, al fine di ottenere un risparmio energetico. Questo fatto ha aggravato l’inquinamento dell’aria interna, intrappolandola nelle nostre case in un’epoca in cui la ventilazione meccanica non era ancora molto sviluppata. Da allora i problemi di salute, in particolare le allergie, non hanno fatto altro che crescere.

7. Cosa succede se apro le finestre?

È come il coperchio di un thermos: è fatto anche per essere aperto, ma senza  esagerare, altrimenti il caffè si raffredda!  Inoltre quando  si aprono le finestre i  flussi d’aria vengono perturbati e la ventilazione è meno efficace. Bisogna aerare la casa aprendo le finestre con parsimonia quando è equipaggiata con un sistema come MyDATEC, per limitare le perdite di energia.

8. Perché scegliere MyDATEC piuttosto che un altro marchio di VMC?

  • MyDATEC è il sistema più facile da installare ed è il più compatto sul mercato
  • MyDATEC ha le migliori prestazioni di pompa di calore sull’aria estratta
  • MyDATEC fornisce un alto livello di servizio con esame tecnico del preventivo, preparazione del kit, assistenza tecnica durante l’installazione, diagnostica problemi gratuita

9. MyDATEC è adatta per una casa a più piani?

Il sistema MyDatec può essere perfettamente integrato in una casa a più piani e come per una casa ad un solo piano l’installazione dipenderà dalla disposizione degli ambienti della casa. E’ meglio prevedere gli spazi per il passaggio dei condotti fin dall’inizio del progetto con il vostro architetto

10. E’ possibile trasformare una VMC a flusso semplice in una VMC a doppio flusso termodinamico?

Niente è impossibile. Tuttavia, un certo numero di vincoli devono essere considerati prima di cambiare una VMC in una VMC a doppio flusso termodinamica, a partire dalla creazione di una seconda canalizzazione, che è necessaria per l’immissione dell’aria nuova. Bisogna inoltre prevedere l’installazione dello scambiatore a doppio flusso, preferibilmente all’interno di un ambiente riscaldato.

11. Come si fa la manutenzione di una VMC a doppio flusso Termodinamico MyDATEC ?

Come per le VMC tradizionali.La VMC raccoglie gran parte della polvere che è carica di umidità e di elettricità statica: la polvere si deposita sui filtri di MyDATEC che devono essere puliti ogni tre mesi circa e sostituiti una volta l’anno. I nostri servizi commerciali sono a vostra disposizione per la fornitura dei ricambi.

Se avete una domanda che non è in questa FAQ, non esitare a scriverci una e-mail o a contattarci, cercheremo di rispondervi nel più breve tempo possibile

.

 

.